Comune di Ne

Riferimenti pagina
Testo
Accessibilità

Home
cerca

Testamento Biologico

TUTELA DEL MALATO

D.A.T. - Dichiarazione Anticipata di Trattamento – Legge 22.12.2017 n. 219 Art. 4

Che cos’è la D.A.T.

La D.A.T. - dichiarazione anticipata di trattamento viene anche chiamata testamento biologico o di vita. E’ un documento strettamente personale con cui una persona maggiorenne (l’intestatario), capace di intendere e di volere, esprime la propria volontà in merito ai trattamenti sanitari nel caso in cui, in futuro, si trovasse in condizione di non poter manifestare la propria volontà. 

In sostanza può dichiarare se  accettare o rifiutare trattamenti sanitari, accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche (dopo aver acquisito informazioni mediche sulle conseguenze delle proprie scelte).
Chi può esprimere le DAT

Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere

Come si esprimono le DAT

  1. Per atto pubblico (atto redatto da un notaio);
  2. Per scrittura privata autenticata (atto redatto da un notaio)
  3. Per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l’ufficio dello stato civile del proprio Comune di residenza;
  4. Presso le strutture sanitarie, qualora la Regione di residenza ne regolamenti la raccolta.

Nelle DAT è previsto un fiduciario

La Legge auspica (ma non obbliga) che ogni persona, nel momento in cui sottoscrive il proprio testamento biologico, indichi un fiduciario, ovvero una persona in cui pone la massima fiducia, che si assuma la responsabilità di interpretare le volontà contenute nella disposizione anticipata, anche alla luce dei cambiamenti e delle nuove prospettive offerte dalla medicina. Il fiduciario deve essere una persona maggiorenne e capace di intendere e di volere. L’accettazione della nomina da parte del fiduciario avviene attraverso la sottoscrizione delle DAT o con atto successivo, che è allegato alle DAT.

Al fiduciario viene consegnata una copia della DAT.

Se una persona viene nominata fiduciaria, ma non intende più svolgere questo compito, può rinunciare all’incarico e presentare in Comune una dichiarazione.

L’incarico del fiduciario può essere revocato dal disponente in qualsiasi momento, con le stesse modalità previste per la nomina e senza obbligo di motivazione. Nel caso in cui le DAT non contengano l’indicazione del fiduciario o questi via abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volontà del disponente. In questo caso sarà il giudice tutelare  a provvedere alla nomina di un amministratore di sostegno (ai sensi del capo I del titolo XII del libro I del codice civile).

Come si presenta una D.A.T.

Data la delicatezza del documento e del suo contenuto, è necessario che chi presenta la D.A.T. rispetti questa procedura:

• scrivere la propria dichiarazione anticipata di trattamento: per farlo, bisogna compilare il modulo allegato sub. A) che devono firmare sia l’intestatario che il fiduciario.

• mettere la D.A.T. in una busta chiusa sigillata insieme alle fotocopie dei documenti di identità dell’intestatario e del fiduciario: gli impiegati del Comune, quindi, non possono leggere il contenuto della D.A.T. e non sono responsabili in alcun modo di quello che c’è scritto all’interno del plico.

• fissare un appuntamento: per farlo, bisogna rivolgersi all’ufficio di Stato Civile prendendo appuntamento telefonando al n. 0185/337090 int. 2 o durante l’orario di apertura al pubblico (dal lunedì al venerdì dalle ore 08,30 alle ore 12,00 ed il mercoledì pomeriggio dalle ore 15,30 alle ore 17,30)

• andare all’appuntamento con il proprio fiduciario entrambi con un documento d’identità valido e il codice fiscale. In questa occasione devono compilare e  firmare, di fronte agli impiegati del Comune, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà:

• A questo punto la busta chiusa che contiene la D.A.T. viene numerata e protocollata. Il numero viene annotato in un registro informatico e riportato su ciascuna delle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà firmate dall’intestatario e dal fiduciario.

• ritirare la fotocopia della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà con annotato il numero di registro assegnato. 

Il Comune archivia in ordine cronologico di arrivo in luogo chiuso a chiave la busta che contiene la D.A.T. insieme alle dichiarazioni dell’intestatario e del fiduciario.






©2010 - Comune di Ne

Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS! Powered by NetGuru